Chiara

Ciao, io sono Chiara,

non ci sopportavamo quando ci siamo conosciute, io e Francesca. E la cosa ora, mi fa sorridere  ripensandoci, mentre ci galvanizziamo a vicenda su una passione comune, su una composta con la scorzetta d’arancia, perfetta per quel grana stagionato ventiquattro mesi, o per quel andiamo a fare un pic-nic al mare, con questo tempo pazzesco, pronunciato il 18 di febbraio, solo per goderci un po’ di quell’aria frizzante, che è l’impazienza del sole, della libertà dell’estate, di quel divertimento libero, semplice e naturale, della mente leggera, che vorresti solo ballare, che solo una giornata all’aria aperta può concederti. Sì mi fa sorridere quando ci ripenso.

Ancor più mi fa sorridere scoprirci ora, insieme, a condividere, con lo spirito leggero che ci contraddistingue, la nostra passione per il cibo, per la convivialità, per la bellezza dell’accogliere, con l’apertura di questo blog.

Ecco, questo è un po’ quello che speriamo di regalarvi. Non solo il lato più “volgare” e pratico, levandovi l’incombenza di dannarvi già dal giovedì mattina per decidere dove portare la fidanzata a cena, o dove sostare dopo un pomeriggio di shopping con le amiche, ed esaudendo il desiderio delle innumerevoli persone che quotidianamente ci contattano per un “posticino”, ma cercare di regalare a tutti voi un po’ di quella passione, di quell’esaltazione che può concedere anche solo lo scegliere un luogo, che non è più un banale luogo, ma è il vostro posticino. Che abbia un po’ di voi, che profumi di voi, che assuma il vostro colore, il colore delle guance vermiglie di vino, della bocca rossa di sugo, delle dita imbrattate di cioccolata, che sia passione, divertimento, sfogo, gioia, che sia un riparo dalla pioggia, che sia un’idea, un pensiero, che sia come quando la nonna prepara le polpette. Che sia un po’ casa

Francesca

 Francesca,

ma chiamatela iaia: giurista squilibrata, appassionata da sempre alla tutela dell’ambiente, tra un atto e l’altro si diletta nella ricerca del particolare, nell’assaporare gusti, odori e colori sempre nuovi, rincorrendo la semplicità in ogni dove, perfino in una semplice tazza di tè fra amiche.

Adora la montagna, il fragore della neve fresca solcata dagli sci, si perde nell’immensità delle vette dolomitiche tinte di rosa al tramonto, ma ama anche gli abitini estivi dalle tinte pastello, la storia dell’arte nascosta dietro le opere e l’aria che scompiglia i capelli girovagando con la sua bicicletta a zonzo per Roma.

Munita di tanta curiosità, gira spesso fra i vicoli più nascosti della Capitale, alla scoperta  del posticino perfetto dove trovare attimi  di serenità  Tra un negozietto di chincaglierie, un vecchio panificio e il fioraio in piazza, insieme alla sua amica Chiara, da consigli utili a chi vuole vivere Roma con altri occhi, quelli della curiosità, appunto.