Whisky, camino, divanetti in pelle ed è subito Scozia.

Viste le notizie non troppo positive di questi giorni, perchè non affogare i nostri pensieri in un whisky di quelli veri o in una pinta di birra, cercando di scordare tutto – almeno durante il brunch -accomodandoci su i divanetti del Treefolk’s Public House immaginando di essere ad Edimburgo o in qualche quartiere posh di Londra?

Stiamo parlando di uno dei più grandi Whisky e Cask bar a Roma con una collezione di 60 etichette di whisky vintage fuori produzione, 500 etichette in mescita e una selezione di 12 birre a pompa e 8 spine.

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

Ci suggeriscono come a  Roma sono gli unici ad avere sempre disponibili birre in Cask, prodotte principalmente in Inghilterra dove i processi di maturazione e rifermentazione delle “Real Ale” non avviene in birrificio ma in botti di 41 litri affidate ai publican, a cui spetta dunque il delicato compito di custodire i cask nella cantina del pub e decidere quando sono pronti per essere aperti.

Qui vi descriviamo questo posticino che ci ha permesso di viaggiare, almeno con la mente, fino in Scozia.

Locale

Il Treefolk’s Public House ospita 88 coperti (ovviamente in base alla normativa Covid) di cui alcuni anche all’esterno, e basa la propria ambientazione fra la Scozia e l’Inghilterra anni ‘20, è suddiviso in tre diverse aree, distinte tra loro grazie a piccoli dettagli. Varcando la soglia di ingresso troviamo la parte più informale della Public House, il Cask Bar, con le 12 pompe a vista, e le tipiche sedute al bancone, proseguendo troviamo la Salac.d del Camino dedicata alla cena gourmet, caratterizzata da divani Chester che delimitano una piccola area privè, da tavoli in legno, sedie in pelle nere e marroni ed il pavimento avvolto da tappeti persiani e un pianoforte a vista dedicato alla musica dal vivo (quando tornerà possibile).

Infine, troviamo la parte più moderna, la Scotch Room con sedute in pelle e sedie rivestite di velluto, un bancone imponente con una bottigliera in legno con le migliori etichette di Whisky esposte.
Il concept voluto dai titolari nasce dall’armonia tra il classico ed il moderno, che troviamo, oltre che nello stile anche nelle proposte food e drink. Si parte da una base solida della tradizione storica British per adattarla ai nostri giorni e ai migliori prodotti locali a km 0.

ph credit pagina facebook Treefolk’s

Cucina

Di sicuro se vogliamo parlare di cucina, in questo periodo dobbiamo tutti un po’ vivere alla giornata, cercando di capire se ci toglieranno a breve anche la merenda.

Intanto però vi descriviamo la proposta del Treefolk’s che attualmente  parte dalle prime ore del mattino con l’area della caffetteria, gestita da Massimo Carpineti, che punta a far conoscere il mondo del caffè e dello Speciality Coffee. Ci sarà una parte dedicata al Gold Trip, il caffè spillato che sta prendendo molto piede nel resto del mondo, grazie alle migliori attrezzature al mondo e alla scelta di torrefazioni di colonie inglesi, neozelandesi ritenute le migliori in assoluto. Carpineti ha l’obiettivo di diventare un precursore dell’educazione alla cultura del caffè a Roma. Sarà realizzata in esclusiva la Specialty Treefolk’s, una collaborazione con la Torrefazione T68 dove verranno mescolate tre origini Specialities provenienti dall’Etiopia, Colombia e Panama.

ph credit pagina facebook Treefolk’s

La cucina è affidata a Valerio Mattaccini che propone al Treefolk’s Public House una cucina sana ed eticamente sostenibile, portando avanti il concetto sempre più importante del “zero waste”. La scelta dei prodotti è curata selezionando ogni piccolo produttore, l’alta qualità rappresenta la politica imprescindibile della sua ricerca. La Tenuta Radichino dei Fratelli Pira, un’azienda del Viterbese, fornirà i formaggi che troveremo soprattutto a colazione, yogurt di pecora biologico e il maritozzo con la ricotta di pecora, un sapore così intenso e che ci ricorderà i sapori della campagna.
Lo chef curerà tutta la proposta food, per la colazione infatti troveremo una colazione salata incentrata sulle uova, più due colazioni special, tra cui quella tipicamente inglesi con uova, fagioli, funghi, pomodori e salsiccia accompagnati da pane tostato, caffè e succo d’arancia.

 

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

Street style

Vista la location a dir poco british misto scottish, tutti avete pensato “ci sta bene una bella gonna tartan che ricorda un kilt”!

Invece vi abbiamo fregato, per Treefolk’s Public House abbiamo deciso di optare per la splendida gonna in eco pelle di Futu3

Utili da sapere

SEGNATEVI ASSOLUTAMENTE:

  • Il Treefolk’s resterà aperto tutto il giorno, sarà possibile lavorare in smart working grazie al potenziamento della rete Wi-Fi e alla dotazione di prese USB. Nel pomeriggio, come da tradizione inglese, il tea time è irrinunciabile. Trenta tipologie di tea dai classici neri, semi fermentati, bianchi e invecchiati saranno presenti in carta;
  • alcune indicazioni sul Brunch e Business Lunch e colazione: Lunedì – sabato Business Lunch a 11 euro compreso caffè e acqua
    Domenica Brunch
    23 euro buffer servito
    29 euro buffet servito più caffè americano senza limiti e un Bloody Mary a scelta dalla drink List (sono 6 in tutto)La colazione:
    Ogni giorno dalle 8.00 alle 10.00 maritozzi dolci e salati
    Dalle 10.00 alle 13.00 colazione inglese, uova, club sandwich, avocado toast e maritozzi

ph credit pagina facebook Treefolk’s

il voto dei iPosticini

iPosticini resume

Treefoolk’s Public House
Viale Trastevere 192
00153 Roma
Tel. +39 0687656024

Orari:
Aperto tutti i giorni dalle 8 alle 18 (PER ORA)

Where is

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.