Alberto, Manfredi e Tommaso

e non prendetelo come una nota di demerito! Il fatto di essere collocati nel punto più tranquillo di Prati può solo avere vantaggi.

Il parcheggio tanto per cominciare, dramma di ogni cittadino romano. Il distanziamento sociale – requisito ormai imprescindibile nella scelta di ogni locale – garantito dalla riservatezza di via Augusto Riboty 20C. Insomma una posizione strategica tra la zona della movida prataiola e la tranquillità di Monte Mario e Piazzale Clodio.

Questo delizioso posticino è nato dalla creatività e dall’amore per la buona cucina e la ristorazione d’eccellenza di 3 amici: ALberto, MAnfredi e TOmmaso. AL – MA – TO.

La sua insegna racchiude il nome del fantastico trio, che nel locale non ha messo solo il nome, ma anche l’anima e le competenze dei 3 amici: Alberto, direttore di sala e sommelier, non a caso in una sala di ristorante c’è cresciuto (i genitori sono i proprietari de La Carbonara), Manfredi con la passione per il food management e Tommaso, appassionato chef, formatosi all’Alma e con esperienze degne di nota come  Villa Crespi,  Marcus Wareing a Londra per specializzarsi nella carne, poi da Beck alla Pergola, e Enoteca La Torre, perfezionista, maniacale e con le idee ben chiare su dove vuole arrivare.

Ad unirli non solo la passione per la cucina, ma anche per lo sport. I 3, infatti, sono cresciuti con il rugby, e il loro gioco di squadra li ha resi una “squadra fortissimi” anche nel loro locale.

Ma mi raccomando, non chiamateli i rugbisti!

Tommaso Venuti

Locale

Almatò – Sala

Lo stile del locale, dal design minimal, risulta elegante e intimo, come la sua cucina.

Metallo dorato, vellutini color ottanio, legno e arredi di design caratterizzano la sala, fieramente arredata da chef Venuti. Un risultato intimo ed accogliente, sicuramente accentuato dalle luci soffuse e calde, ugualmente perfetto sia per una cena elegante, che per una rimpatriata tra amici.

Le foto non rendono l’odierna disposizione dei tavoli, modificata secondo le normative anti Covid, garantendo il massimo distanziamento sociale.

Almatò – sala

Almatò – dettaglio tavola

Cucina

Almatò – Ravioli di coda con erbe amare e salsa mirepoix

La carta è sofisticata è genuina come la sala.

Noi adoriamo le coccole pre pasto e impazziamo per la semplicità. (Confesso che quando a tavola portano il cestino del pane, chiedo sempre di poter avere l’olio buono, per gustarmelo come si deve). Immaginate quindi la gioia quando ci hanno servito il pane insieme al burro leggero e spumoso fatto dallo chef, servito all’interno di una ciotolina di design. Anche l’olio è degno di nota: un extravergine di Itrana dell’azienda Terre del Sovescio.

L’antipasto ricorda, invece, la colazione, il nostro pasto preferito. Un Cappuccino, però salato, a base di cavolfiore, con tanto di croissant (ovviamente salato) “pucciato” dentro.

Cappuccino

Strepitosi e mai banali i primi piatti: abbiamo adorato la Cacio e pepe con gamberi rossi e arancia bruciata (la nota agrumata nella cacio e pepe, ci conquista sempre!) e i Ravioli di coda con erbe amare e salsa mirepoix.

Cacio e pepe con gamberi rossi e arancia bruciata

Meravigliosa l’Anatra, patata viola, cipollotto e lavanda; ci ripromettiamo di assaggiare l’Agnello con cipolla, ricotta e dragoncello e la Spigola con biete e liquirizia.

Anatra, patata viola, cipollotto e lavanda

Concludiamo con un dolce dai contrasti insoliti, che esplodono in bocca. La tentazione in questione si chiama Gianni, dessert innovativo a base di burro di arachidi, gelatina di passion fruit, cremoso alla gianduia, con un finto sigaro di cioccolato al tabacco, ripieno di gelato alla gianduia, e finta cenere di tabacco.

Un dolce complesso e interessante, come la sua ispirazione. Gianni, infatti, è in realtà il nomigliolo dato a uno dei 3 soci, Manfredi,  protagonista di una gag  nata sul campo da rugby. Tommaso ha deciso di omaggiare l’amico cercando di riproporre, in versione dolce e con un abile gioco di contrasti e consistenze, tutte le sue passioni: il sigaro, la gianduia e il passion fruit e l’America (patria per antonomasia del burro di arachidi).

Quando qualcuno mi dedicherà un dessert sarò una donna realizzata!

Almatò – Gianni

A nutrire la carta dei vini ci pensa Alberto selezionando le migliori etichette tra bianchi e rossi e (con la possibilità di gustarne qualcuno alla mescita) provenienti dai territori italiani più interessanti, mixando, in egual misura, piccoli produttori poco noti con celebri cantine blasonate. In carta, però, è possibile trovare anche qualche referenza estera. Interessante anche la selezione di bollicine italiane e di Champagne.

Street style

Visto lo stile chic ma informale, l’abbigliamento vi consente di spaziare.

Ma il capo must, perfetto in versione più easy – abbinato a jeans e top – o in versione più sofisticata – indossato con uno skinny in pelle o un pantalone palazzo nero  (e un bel sandalo, per chi ancora se la sente di indossarli), o un abitino in pelle, è questo blazer in velluto a costine di Blazè Milano.

Un doppiopetto, taglio seventies, color giallo ocra, dal fascino un po’ vintage, ma con una silhouette moderna e slanciata, in perfetto modo con i colori e i materiali della sala. Più matchata di così si muore.

Qui sotto vi proponiamo la versione più informale, come indossato dalla modella.

 

 

Lo potete acquistare (o sognare!) qui

Attività

Ogni martedì si celebra “Il Giro dei Sapori d’Italia“: un viaggio immaginario attraverso l’Italia e i piatti tipici di ogni regione.

Un menu degustazione tematico di quattro portate con la possibilità di wine pairing.

Noi abbiamo provato la Toscana ed è stato come perdersi nelle campagne della Val d’Orcia, tra il profumo di farina che si miscela con l’acqua sotto le mani sapienti delle vecchiette di Pienza, il sobbollire del ragù e il tannino pungente del Brunello.

‘Nsomma, provatelo!

 

4 portate 35€ – 4 portate con wine pairing 50€

Utili da sapere

Un consiglio: non dite mai crema al posto di cremoso, se non volete farvi cazziare da chef Venuti.

 

photocredit @Alberto Blasetti

 

 

Chiara

iPosticini resume

Score
Cucina
Attività
Street style
Prezzo

Almatò

Via Augusto Riboty 20C, Roma

Orari: aperto dal lunedì al sabato dalle 13 alle 15 e dalle 20 alle 23:30. Chiuso la domenica

Tel: 06 6940 1146

Where is

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.