i preferiti perchè....

…And it’s hard to hold a candle
In the cold November rain…cantavano i Guns N’ Roses
Per il mese di Novembre (che ormai è finito), ci sta tutta!

I PREFERITI DI CHIARA

Novembre è uno dei mesi che maggiormente detesto. La pioggia incessante, l’umidità, il buio già alle 4 di pomeriggio. Quest’anno però è iniziato con il piede giusto grazie al nostro piccolo tour della Val d’Orcia. Il fatto che sia terminato con una colica renale, bronchite e otite è un dettaglio che trascureremo in questa sede.

Diciamoci le cose come stanno. Novembre si salva solo per le caldarroste, il Black Friday, la giustificazione a rimanere sotto la copertina con un tè e Netflix e per la frizzantina aria natalizia che comincia a sentirsi verso metà mese.

Cupezza a parte, ci sono comunque state tante cose belle questo mese e, con il cuore colmo di gratitudine per i piccoli e preziosi regali che la vita ci offre, vi racconto i miei 5 super preferiti di novembre.

Ora, però grazie a dio è Dicembre!

Il cibo preferito

Secondo voi può una romana resistere in un’altra città senza mangiare carbonara per mesi? Claro que no. Ve lo posso garantire. 

Non c’è, perciò, da stupirsi se l’ultimo we che sono scesa a Roma, il mio primo desiderio (ebbene sì, anche prima di coccolare i miei gatti, salutare mia madre e sbaciucchiare le amiche – sono una persona orrenda, lo so) era quello di mangiare una carbonara. Ma non una carbonara qualunque, volevo guastarmi La Carbonara. Non è un caso quindi che la scelta sia ricaduta su quella di Luciano Monosilio. Una missione quella della Carbonara, per Monosilio, più che un piatto. E lo si vede dalla cura nell’impiattamento, dalla crema densa e perfettamente bilanciata di uova, pecorino e pepe. Ho adorato la forchetta d’oro, posata speciale riservata solo a questa portata, e il bigliettino con la ricetta, pinzato sul bordo del piatto.

Unica raccomandazione: non chiedete assolutamente di poterla avere con un formato di pasta corto, se non volete rischiare la forca.

 

Luciano Cucina Italiana

Il prodotto beauty preferito

Lo desideravo da anni. Sognato, agognato, fortissimamente voluto. E finalmente il Black Friday l’ha portato. 

Sto parlando del massaggiatore per il contorno occhi della Foreo. 

Sapete che sono una fan della skin care, e che un’ottima beauty routine è il primo passo per sentirsi gnocche. Quindi era un dovere morale per me averlo del beauty case e salutare rughe, segni dell’età e le micidiali borse da sveglia alle 6 di mattina. 

Potete sceglierlo in 4 colori e forse lo trovate ancora in sconto al 35% sul sito di Sephora.

 

Foreo

Il capo preferito

Non ho mai sperimentato il colpo di fulmine con un uomo. Mi succede solo con vestiti, borse, scarpe, tazze. Vai a capire perché.

In ogni caso, senza divagare, il colpo di fulmine del mese è scattato con questo basco rosa di Leontine Vintage. Il dettaglio super carino di questa meraviglia in pura lana color confetto è il mantra “Ciao Bella” realizzato a mano in ecopelle, che fa un po’ passeggiate per i boulevard parigini alla ricerca della baguette per la colazione, un po’ Vacanze Romane Winter Edition. Manca solo un Gregory Peck da limonare a Piazza di Spagna.

 

Leontine Vintage

L'oggetto per la casa preferito

Durante una super natalizia e decisamente proficua passeggiata per il centro di Firenze, una delle soste programmate era la scelta del tè natalizio. Posso mai essere uscita dal negozio esclusivamente con il tè? Giammai! La boutique de La Via del Tè di Via Santo Spirito – oltre ad avere una sala da tè deliziosa che mi sono già ripromessa di provare – ospita, infatti, una parte dedicata a tutti gli accessori per il perfetto rituale del tè. E voi sapete bene ormai quanto io mi emozioni per tutti questi ammennicoli mignon.

Mi sono stupita di come fossi ancora sopravvissuta senza possedere il cucchiaio dosatore per la perfetta tazza di tè. Oltre alla forma tondeggiante e carinissima ha inciso lo slogan “1 cup of perfect tea” sul manico.

Tra lui e il mio tè di Natale “White Christmas” è già amore.

 

La Via del Tè

Il posticino preferito

Il posto adatto ad una sosta in perfetto stile pre natalizio, grazie alla sua atmosfera da vecchia bottega dall’animo un po’ francese, è sicuramente S.forno. 

Quello che era lo storico panificio del Rione Santo Spirito a Firenze è diventato un posto dove trascorrere la giornata, dalla colazione all’aperitivo, curiosando tra gli scaffali ricolmi di prodotti locali e home made (tutti rigorosamente in vendita e selezionati con estrema attenzione) respirare l’odore ipnotico della “schiacciata” appena sfornata e della mortadella con cui verrà farcita, e rifarsi gli occhi davanti al bancone ricco di dolci libidinosissimi, da accompagnare ad un infuso, un succo bio o un caffè americano (io perdutamente innamorata della crostata con i lamponi) seduti sui deliziosi tavolini in metallo del locale.

 

S.forno

I PREFERITI DI FRANCESCA

Timeo Danaos et dona ferentes…diceva Laocoonte nell’Eneide nei confronti degli Achei. Ecco io mi sento come Laocoonte  mentre scruta l’orizzonte e vede arrivare il famoso cavallo di Troia. Si perchè, ormai da un paio di anni, questo mese sembra presagire le migliori intenzioni e poi invece si rilevano grandi tormenti.

Ora lo ammetto ufficialmente: inizio a temere questo dannato mese, novembre…già a dirlo mi vengono i conati. Da un po’ di tempo a questa parte è stato solo un mese foriero di presagi e cose negative, che palle!

Almeno i miei 5 preferiti sono riuscita a salvarli dai.

Il cibo preferito

Se si è in giro per la Val d’Orcia e si passa per Pienza, dovete assolutamente fare tappa alla Taverna del pecorino.  A pochi passi dalla Cattedrale, in una via traversa al Corso il Rossellino, si trova questo piccolo gioiellino, dove potrete trovare e assaggiare, una vastissima scelta di prelibatezze gastronomiche, frutto della nostra amata terra, della tradizione Toscana e della passione dei suoi abitanti. Ovviamente fa da padrone il principe dei formaggi: il Pecorino!

Non solo troverete dei signori, marito e moglie, simpaticissimi e con un forte accento toscano che rende tutto più bello, ma avrete la possibilità di immergervi nel profumo e nel sapore del pecorino Doc di Pienza. Si perchè quella bomboniera di paesino, arroccato sulle colline, è famoso non solo per le sue bellezze architettoniche ma anche per questo prodotto fantastico frutto esclusivamente di madre natura.

Quando entrate alla Taverna del Pecorino c’è solo l’imbarazzo della scelta: al fieno, allo zafferano, agli agrumi, al tartufo e chi più ne ha più ne metta.. poi c’è sempre anche il classico.

Io ho portato ai miei quello al tartufo che è finito nell’arco di una cena. Mannaggia mi toccherà tornare a Pienza, che peccato.

Il prodotto beauty preferito

In realtà questo mese non sono stata molto brava e la mia maestra dell’estetica si potrebbe molto arrabbiare. Ma diciamo che mi sono sono/le ho fatto una promessa: quella di andare assolutamente alla ricerca di un olio struccante delicato, c.d. bifasico (va a capì il perchè).

Quindi diciamo che per questo mese non ho nessun prodotto beauty da segnalarvi, ma almeno posso dire che novembre mi ha permesso di convincermi a puntare sull’olio bifasico, da scegliere rigorosamente con la mia maestra Chiara. Presto aggiornamenti su questi schermi.

Il capo preferito

Tornano prepotenti più che mai le mie, sempre amate sin dalle scuole medie, Dr. Martens nere opache con cuciture gialle, classiche dei classici.

Mai come in questo mese così piovoso le ho utilizzate e devo dire che sono state la svolta per sopravvivere alle docce continue prese in motorino o in giro a piedi per la città. Certo preferisco di gran lunga le mie infradito estive, ma almeno con queste combatto l’inverno con un certo stile e anche con somma soddisfazione, dato che da piccola mi era stato sempre negato il permesso di comprarmele (perfino Babbo Natale si è rifiutato, a sua detta troppo da maschiaccio).

L'oggetto per la casa preferito

Non so se ridere o piangere, fatto sta che, superati i 30 anni, devo ammettere di esser emozionata per una cosa del genere: mi sono comprata (finalmente) una super aspirapolvere. Come un soldato attende in silenzio il momento opportuno per sparare, io ho atteso, con estrema pazienza, la tanto amata settimana del balck friday e poi taaac, ho sparato….come oggetto preferito del mese direi proprio di mettere al primo posto questa stupenda aspirapolvere verde fluo e nera della Rowenta con fili (si perchè mi sono fatta una cultura e ho capito che quelle senza fili, dopo un po’, ti abbandonano).

Della serie Desperate housewife scansate proprio.

Il posticino preferito

Il podio per il Posticino del cuore del mese senza dubbio lo merita il Flu Bistrot. Anche se lo conosco e lo frequento da parecchio, questo mese mi ha coccolato in un momento un po’ particolare, anche grazie alle proposte di una mia grande amica. Si perchè da Flu, sia che tu vada  per un  pranzo veloce che per una cena fra amici, ti senti immediatamente avvolto dal loro calore e dalla dolce attenzione che ripongono sia nei piatti che negli arredi.

Piccolino, minuto, grazioso e delicato nei colori, luci soffuse, musica giusta, menù ricercato e camerieri preparati son proprio quello che serve per accaparrarsi il posto fra i preferiti del mese.

Anche il Flu Bistrot si è meritato la nostra curiosità, a breve ve ne parlerò meglio.

iPosticini resume

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.