Dovremmo avere tutti una vita vista mare

Quando pensi “avrei proprio voglia di cambiare aria ma senza andare troppo lontano”, “vorrei sfruttare gli ultimi giorni d’estate in un posto particolare, senza svenarmi” ecco che si accende la lampadina. Questo posticino meraviglioso che stiamo per descrivervi ha qualcosa di incantato.

Probabilmente perchè si tratta di un castello. Ebbene si un castello vero e proprio che, da pochi anni, è stato riadibito in parte ad Ostello grazie ai fondi della regione Lazio. Classico esempio di quando i progetti belli a volte si realizzano e anche bene.

Stiamo parlando dell’#OstellodelCastello di Santa Severa. Location tornata in auge anche grazie al romanticissimo ed intramontabile “3 metri sopra al cielo”, ma che in realtà nasconde secoli di storia.

(scatto rubato 2 min. prima che il sole calasse, decisamente effetto WOW)

Ambiente

Per apprezzare al massimo questo posticino incantato e comprenderne al meglio il valore, occorre sapere un po’ di storia che si cela dietro ai torrioni dell’imponente Roccaforte laziale.

Il Castello di Santa Severa è situato lungo la costa Tirrenica a Nord di Roma, è un patrimonio di inestimabile valore sia storico che culturale. Il Castello deve il suo attuale nome alla giovane martire cristiana Severa, che la tradizione ricorda uccisa nel 298 d.C. in questo luogo, sotto l’impero di Diocleziano.
A lei era dedicata la Chiesa Paleocristiana, databile nella seconda metà del V secolo, rinvenuta in epoca moderna ed attualmente visibile, in parte, nella Piazza della Rocca all’interno dell’antico borgo.
Un’area, questa, che affonda le sue origini in tempi antichissimi. Nel VII sec. A. C. fu costruito Pyrgi(chi conosce bene le spiagge nere ne sa qualcosa)tra i più importanti scali marittimi di tutta l’Etruria distante solo 13Km dalla potente Caere, poi Cerveteri, di cui fu il porto principale.

Per sapere tutte le evoluzioni storiche che ha subito il Castello, basta farsi un giretto con visita guidata per capire l’importanza e il valore di questo luogo. Si arriva poi agli anni nostri quando, la Regione Lazio nel 2014 ha combattuto per la riapertura estiva (aprile-ottobre) ai visitatori, per permettere alla collettività di fruire di questo straordinario patrimonio sospeso tra leggenda e realtà.

Da quel momento, grazie ai progetti delle persone che ci credevano, il Castello cambia volto e diventa, ai piani superiori,  l’Ostello del quale oggi parliamo: 14 camere con un affaccio mozzafiato, singole, doppie e quadruple, molto spartane ma comunque curate e con stile minimal che rende ancora tutto più bello.

Svegliarsi con il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli ha il suo prezzo, ma i prezzi, soprattutto per le camere condivise, sono interessanti.  In alta stagione, cioè dal primo aprile al 30 settembre, un posto letto in camera tripla costa 25 euro, uno nelle due stanze da cinque (con bagno interno) costa 35 euro. Le camere singole costano 45 euro a notte, le doppie 75 o 65 e la tripla 80 euro. Più economici i prezzi in bassa stagione, cioè dal primo novembre al 31 marzo.

Ragazzi stiamo pur sempre parlando di uno degli ostelli definito fra i più romantici d’Europa.

Ph. credit www.castellodisantasevera.it

 

Colazioni e altro

In realtà, nonostante la location assomigli più ad un posto dove uno si aspetterebbe accoglienza extra lusso, qui all’Ostello è tutto molto spartano e semplice, compreso il MANGIARE.

Infatti, come ogni regola del buon ostello prescriva, anche al Castello è presente una sala comune/cucina dove ognuno può condividere i propri viveri, cucinare insieme e socializzare. C’è un grande frigo dove poter lasciare ogni cosa, l’importante è che sia munita di targhettina nominativa per capire a quale camera appartiene e il gioco è fatto.

Ad ogni modo gli architetti si sono sbizzarriti perchè hanno creato davvero un ambiente insolito per essere un Ostello: travi antiche a vista, comodi divanetti di design, tavolone in legno minimal, luci soffuse, pietra e foto in bianco e nero che rievocano la storia alle pareti.

Street style

Bè ovviamente, dato che stiamo parlando di ultimi scampoli d’estate, non potevamo non abbinarci i nostri costumi preferiti dell’estate 2019 di cui vi abbiamo parlato qui.

Ti svegli vista mare, nemmeno ti lavi, ti infili addosso un due pezzi porpora di Zaful e subito un tuffo in quell’acqua cristallina di settembre  per risvegliarsi. Goduria pura.

 

Utili da sapere

Fra gli utili da sapere occorre citare il fatto che:

  • per tutta la stagione estiva, fino ad ottobre presso il Castello, si organizzano eventi serali, concerti e mercatini;
  • la parte storica che comprende l’antico borgo e il museo, è visitabile con un biglietto al prezzo di 8 euro (6 euro ridotto) con guida eventuale. Trovate tutte le info qui.

Francesca

iPosticini resume

Castello di Santa Severa
SS1 Via Aurelia, Km 52,600,
00058 – Santa Marinella
Prenotazione ed informazioni Ostello
E-mail: ostello@castellodisantasevera.it
T: +39.06.51681778 +39.06.51681785 +39 339 8927749 / 392 5046571

Where is

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.